lunedì 8 settembre 2008

Il vigile gay più sexy del mondo

Il ragazzo che avete visto nelle foto si chiama Fabrizio Caiazza, nato a Zurigo (Svizzera) il 3 novembre 1974, napoletano di origine e residente a Milano (Italia) dove lavora come vigile urbano. Ha sbaragliato 46.000 concorrenti arrivati da New York da 162 nazioni ed ha vinto il premio per "Il più bell'uomo in uniforme".

Lo scorso maggio il vigile milanese, in servizio da sette anni, decide di iscriversi (merito anche del suo fisico palestrato) a un concorso per soli uomini tramite il sito "Gaydar". Ed è proprio lui a trionfare e a portarsi a casa un premio di ben 15.000 Euro, compreso un contratto come modello per Gaydar.

Fabrizio però ora rischia un provvedimento disciplinare. Il regolamento prevede infatti che gli agenti si comportino "in modo dignitoso e decoroso anche fuori dal servizio".


Anche i suoi colleghi disapprovano. Il rischio che corre non è il licenziamento, ma una sospensione dal servizio anche per sei mesi con riduzione della metà dello stipendio. A Voi sembra giusto?


Nel video che segue vediamo il servizio del telegiornale che illustra il fatto:


video


4 commenti:

L'amore di Scorpioitalia ha detto...

La sospensione dal lavoro per sei mesi e ridurre a metà lo stipendio mi sembra molto esagerato: io farei tre mesi di sospensione e un mese di stipendio dimezzato...mi sembra più che equa come soluzione!

GUAI A CHI NON AMMETTO CHE STO TIPO NON SIA BONO....IO MI FAREI MULTARE IMMEDIATAMENTE ANCHE CON I DOCUMENTI IN ORDINE :-p

Non me ne voglia però il mio amore...sai che sei solo tu ad essere l'unico nella mia vita, ti adoro :-) ti voglio un bene da matti

loran ha detto...

Speriamo che prima o poi l'Italia riesca ad uscire da questa specie di medioevo.
Poi l'ipocrisia di queste norme è veramente rivoltante quando ci sono molti vigili urbani che prendono "incentivi" finanziari da costruttori per chiudere un occhio sugli abusi edilizi ed altro.

Anonimo ha detto...

veramente sembra che la storia sia un'altra, altro che santarellina...
Il caso del vigile Caiazza su Clubbing: Troppi omissis e poche verità.

simon ha detto...

a me non piace